E se mi viene un’erezione?

Ragazzo nel bosco

Uomini e donne non hanno le stesse preoccupazioni, quando si apprestano a vivere la loro prima esperienza nudista alla presenza di altre persone. Le donne pensano che sia più facile per gli uomini. Gli uomini pensano che sia più facile per le donne.

La più diffusa preoccupazione dei maschietti è quella di sperimentare un’imbarazzante erezione. Condizione provocata dalla vista di tanti corpi nudi intorno a sé e attesa con timore per l’impossibilità di nasconderla, stante la propria nudità. Su questo tema si è detto e scritto molto. Paradossalmente, se quasi tutti gli uomini hanno vissuto quest’apprensione – in maniera più o meno intensa – al pensiero di spogliarsi per la prima volta in un contesto nudista, quasi nessuno ha poi dovuto concretamente affrontare un problema di questo tipo. Una volta che ci si è spogliati, infatti, bastano normalmente pochi minuti perché l’ombra delle ultime paure venga definitivamente spazzata via dalla sensazione di “normalità della nudità”, che si percepisce chiaramente vivendo l’esperienza nudista.

Il punto è questo: malgrado l’educazione ci abbia convinto che la nudità sia eccitante in quanto collegata a filo doppio con il sesso, in realtà questo collegamento non esiste. E nel momento stesso in cui l’esperienza dimostra l’assenza del legame fra nudità e sesso, ecco che avere un’erezione in un contesto di nudità non sessuale è molto più improbabile di quanto possa credere chi tale esperienza non l’ha ancora fatta.

La questione è in effetti molto semplice. Contrariamente a quanto si può credere, un corpo nudo, di per sé, non è eccitante: sono l’atteggiamento, il comportamento, la fantasia che lo rendono tale. Ma l’atteggiamento, il comportamento, la fantasia possono rendere egualmente eccitante anche un corpo vestito! Anzi, la fantasia risulta ancora più potente nell’accendere il fuoco dell’eccitazione proprio quando il corpo risulta in parte coperto dai vestiti, perché maggiore è lo spazio che in tal caso l’immaginazione ha a sua disposizione per evocare nella mente pensieri e sensazioni ad alta carica erotica.

Ragazza in bikini

Vediamo di rendere evidente questo concetto con un banale esempio. Penso che tutti possano ammettere che, al giorno d’oggi, una giovane donna che indossa un normale bikini e che fa una normale passeggiata sulla spiaggia non suscita particolari problemi di eccitazione (se questo non fosse vero, se ne dovrebbe concludere che tutti i maschi eterosessuali presenti su qualunque spiaggia sono costantemente in erezione…). Ma se prendiamo quella stessa donna con lo stesso bikini e la mettiamo – ad esempio – stesa su un letto in una posa provocante e con uno sguardo allusivo, probabilmente otteniamo qualche reazione nei maschietti che la vedono, malgrado la donna non si sia denudata più di quanto fosse prima. O meglio: proprio perché c’è ancora il bikini, la situazione risulta ancora più stuzzicante, giacché l’osservatore è portato a “spogliare con gli occhi” la donna e a creare con l’immaginazione tutto quel che ne consegue.

Ciò che importa evidenziare è che, se la donna e il suo bikini sono gli stessi, sono il contesto e l’atteggiamento che sono cambiati e che hanno dato lo spunto allo scatenarsi della fantasia. Sia bene inteso: se uno vuole, può far partire la fantasia per la sua strada anche vedendo la donna in bikini sulla spiaggia, ma qui risulta più difficile che il pensiero sfugga spontaneo e incontrollato, in quanto la situazione in sé viene comunque percepita come “normale” e priva di contenuto erotico (probabilmente il discorso era diverso qualche decennio fa, quando il bikini era considerato un’offesa al pudore; a dimostrazione della rapida evoluzione dei costumi).

Un discorso analogo si può fare nel caso di una donna completamente nuda. In un contesto nudista, privo di allusioni o stimoli sessuali, la sua nudità non risulta più eccitante di quanto sia il suo corpo coperto da pochi centimetri quadrati di bikini, che di fatto nascondono ben poco. Qualcuno potrebbe obiettare che la nudità completa è già di per sé un potente stimolo erotico. Ma questa obiezione non regge alla prova dei fatti. Ciò che può suscitare eccitazione non è la nudità in sé, bensì la curiosità di vedere la nudità. Tuttavia, nel momento in cui questa curiosità viene appagata del tutto e non ha più ostacoli che possano risvegliarla, essa si affievolisce naturalmente e poi si spegne, smettendo quindi di costituire una fonte di eccitazione. Praticando il nudismo, si vedono i corpi nudi, ma non li si guardano. La nudità diventa una cosa normale. E la normalità non eccita.

Vignetta naturista

E se, nonostante tutto, l’erezione tanto temuta arriva? Può capitare soprattutto a quei principianti che pensano con ansia eccessiva all’idea di denudarsi: è appunto quest’ansia, non l’eccitazione sessuale che provoca l’erezione in questi casi. Che fare? Stare tranquilli, dissimulare, cercare di distrarsi e aspettare che passi. Praticamente le stesse cose che si fanno se capita un’erezione quando si indossa il costume da bagno, il quale non è certo capace di nasconderla… Se non si va in giro ad esibirla, un’erezione è una cosa naturale, non certo la fine del mondo!

Su questo argomento, invito infine a leggere l’ottimo post Perché il nudismo non eccita sessualmente, pubblicato su Mondo Nudo.

Questa voce è stata pubblicata in Nudismo in generale, Nudità e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a E se mi viene un’erezione?

  1. Pingback: La vergogna di essere nudi | Essere Nudo

  2. Pingback: La vostra prima vacanza nudista | Essere Nudo

  3. Steve ha detto:

    E che sarà mai, in fondo….. è solo un’erezione 😀 succede a tutti

  4. Klesk ha detto:

    D’accordo con Steve! Che sarà mai un’erezione! E poi come dice l’articolo è l’ansia eccessiva a denudarsi che causa l’erezione! Soprattutto mi immagino chi decide di praticare il nudismo per la prima volta! Penserà sempre al momento fatidico in cui dovrà spogliarsi completamente e quando inizierà a farlo, l’emozione salirà a mille! Culminerà quando per ultimi gli slip saranno abbassati e ovviamente mostreranno il pene in erezione! Penso sia una cosa normalissima, specie le prime volte! Non c’è niente di strano!

    • Cry ha detto:

      sì ma è comunque una cosa imbarazzante mostrarsi in erezione in pubblico e in questi contesti e purtroppo l’unico modo per nasconderla è tuffarsi in acqua prima che sia troppo evidente ma non appena si vorrà uscire ecco che si torna al punto di partenza… esistono delle tecniche di controllo per tali momenti? intendo prima che l’erezione diventi evidente quando ancora si avverte semplicemente che sta per avvenire?
      Comunque sia per le donne è effettivamente più semplice dato che loro non si devono proccupare di alcun segno evidente di tipo fisico e quindi anche se guardassero un uomo pensando a quanto sia figo o cose del genere nessuno se ne accorgerebbe mentre se ciò succedesse a noi uomini ecco che spunterebbe subito l’erezione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...